martedì 9 novembre 2010

APPLIANCE: "Re-Conditioned" (2010, RROOPP)

Radiohead prima dei Radiohead.
Peccato i media fossero rimasti con la bocca sigillata lasciando che nessuno si accorgesse di loro. Il rock era morto. Da mesi si parlava della sua lenta agonia.
Poi, quando era successo, nessuno aveva avuto il coraggio di dare la notizia.
Meglio posticipare tutto al nuovo secolo, quando un Ragazzo A sarebbe arrivato a dare il triste annuncio.
E invece il nuovo covava già da un po’.
Trans Am, Tortoise, Godspeed You Black Emperor spingevano dagli Stati Uniti.
Gli Appliance dall’ Inghilterra, affondando i denti nel suono del kraut rock.
Dalle terre scure dei Neu! attraverso le autostrade in fibra ottica dei Kraftwerk fino agli approdi ambient di Klaus Schulze.
Un tocco elettronico che permea ogni traccia, ogni angolo del suono del terzetto fino a renderlo algido come un pezzo dei Freur (ascoltate il minimalismo cosmico di Milkrace) ma che spesso lambisce i territori di elevazione trancedelica di bands come Mogwai, Loop e Spacemen 3.
E’ il post-rock, signori miei.
Ovvero quello che dovrebbe esserci dopo il rock, e che invece morirà subito dopo essersi seduto al trono, come un Papa Luciani qualsiasi.
Ora, è il momento delle lapidi.
Ma anche delle lussuose cappelle di famiglia, come questa della famiglia Appliance: tre CD che raccolgono le quattro Peel Sessions incise dalla band e una valanga di estratti dai singoli ed EP del terzetto di casa Mute.
Agli angoli è accatastata una piccola montagna di modernariato anni Settanta. Tastiere vintage, bobine, Casio portatili, mangiadischi, serpentine di freon divelte, rubinetteria arrugginita, valvole fuori uso.
E dentro si sta di un fresco che a volte (Slow Drive) sembra di stare nel bel mezzo di una tempesta stellare.
Eppure continuo a pensare che la # 3 Channel is clear pubblicata nel 1998 sull’ ultima uscita indipendente del gruppo valga per il post rock, anche ventidue anni dopo, quanto The Waiting Room per l’ emocore.
Se non sapete di che sto parlando, questa è l’ occasione per capirci qualcosa.


Franco “Lys” Dimauro


Appliance-Pacifica
Appliance - John Peel session 2001
"A gentle cycle revolution" Appliance, Mute Records
"FLF" (Faster, Longer, Further) Appliance, Mute Records
"Personal Stereo", Appliance, Mute Records

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget