domenica 7 novembre 2010

BOOK REVIEWS - PAMELA DES BARRES: "Let’s Spend The Night Together – Stanotte stiamo insieme” (Castelvecchi, 2007)

I nostri eroi musicali li vediamo sul palco e li sentiamo in quella fantasmagorica dimensione che emerge dall’ascolto di un impianto stereo.
Grazie a Pamela Des Barres, regina delle groupie (se non sapete di cosa stiamo parlando è strano che stiate leggendo un web-magazine dedicato al rock …), possiamo vederli (beh, immaginarli …) in azione nel loro aspetto più terra terra, quello più ‘animalesco’. E il divertimento è assicurato.
Non potete perdervi le scorribande degli dei del rock, fra lenzuola e non, contenute in questo massiccio tomo della ex (con molte certezze e qualche nostalgia) groupie Pam che, non paga di averci in precedenza deliziato con i propri racconti autobiografici in materia in “Sto con la band” (1987) e “Take Another Little Piece Of My Heart, a groupie grows up” (1993), si è presa la briga di rintracciare (cosa non facile: molte si sono date a vite più che borghesi!) ed intervistare molto amabilmente le sue colleghe d’avventure.
Ne escono ritratti più che spassosi, a cominciare dalla prima groupie della storia (chiaramente non intervistata, ma a cui si deve un giusto tributo), quella Maria ‘Maddy’ Maddalena che, in quanto a rockstar, seguì di certo una delle più carismatiche del periodo!
Venendo a tempi più recenti, Pam tesse le lodi di Tura Satana (il nome è tutto un programma), groupie nipponica niente popò di meno che del King (Elvis, of corse). Quasi anomala la presenza nel volume di Gail Zappa, grandissima amica di Pam, qui ritratta in quanto moglie del celebre Frank, ed il capitolo che la riguarda è molto interessante per saperne di più sul lato domestico del celebre musicista.
L’episodio è senz’altro il più romantico del libro, laddove il termine ‘romanticismo’ per le altre pagine è da usarsi con grande larghezza di vedute!
Patty D’Arbanville, dal canto suo, ci illustra il suo love affair con Cat Stevens e di come lo abbia incontrato dopo la sua conversione all’Islam. L’eleganza di Catherine James ci cattura, laddove Cynthia Plaster Caster ci riporta un po’ al sodo di tutta la questione (da antologia l’espressione maliziosa/sognante in cui è ritratta in una foto mentre tiene in mano il calco del membro del grande – pure il calco … - Jimi).
Da sogno hippie Michele Overman, che svolazza da Steven Tyler degli Aerosmith a Robert Plant degli Zeppelin (d’altronde mai farsi mancare nulla!).
Presente anche Lori Lightning, a fianco di Jimmy Page (e così possiamo chiudere il capitolo Zep!).
Sarebbe poi ingiusto non menzionare Sweet Connie, quella che – parole sue – fece sesso con non meno di una trentina di musicisti in una sola nott e… (grande Connie!), la quale poi, a differenza di tante ‘colleghe’, non disdegnava anche i membri (vabbé, mi è scappato …) della crew, e quindi vince anche la palma della groupie più democratica! Giustamente è stata immortalata nel brano We’re An American Band dei grandissimi Grand Funk Railroad, e cosa potrebbe volere di più una groupie se non finire in una canzone del suo artista preferito (beh, prima nel letto, però!)?
Non poteva poi mancare l’aristocratica Bebe Buell, di cui Pam riporta integralmente l’intervista concessale. Le altre eroine del libro? Le lascio alla vostra curiosità di lettori.
Sono stati fatti studi su studi sociologici sul fenomeno delle groupie.
“Ragazze a perdere” (e cito il libro di Barbara Tomasino a loro dedicato)?
Mi pare che queste ragazze grossi danni non ne abbiano fatti…
Anzi, vista la questione ai meri fini dell’arte, sono state anche muse per molti musicisti. Chissà che fine ha fatto quella che ispirò a Jimi l’immortale Little Wing… Tutti noi le dobbiamo qualcosa.
Ma oggi il fenomeno che dimensioni ha? Beh, secondo Pam, “Finché ci sarà un palco con degli strumenti, dei musicisti e un backstage, ci saranno sempre delle groupie in circolazione”. Quindi, cari colleghi musicisti, speranzosi continuiamo a riempire il palco di strumenti (chissà che non ci scappi nel mentre … anche della grande musica!).


Ruben


Elvis Presley: All Shook Up
Grand Funk Railroad: We're an American Band
Jimi Hendrix: Little Wing
Aerosmith: Back in the Saddle
Led Zeppelin: Babe i'm Gonna Leave you

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget