venerdì 21 gennaio 2011

BRIAN JONESTOWN MASSACRE, selection by Federico Porta

Difficile se non impossibile carpire in 10 brani l’essenza di una band che in 17 anni di attività ha pubblicato 12 albums ufficiali più vari EP, nella cui formazione si sono avvicendati quasi sessanta elementi e che seppur pescando in maniera feticista dal passato, non ha mai disdegnato sperimentalismi vari, sorprendendo più di una volta le aspettative di chi li ha sempre seguiti. Evocando contemporaneamente sia Beatles che Rolling Stones, passando per Velvet Underground e My Bloody Valentine (il titolo del loro album "My Bloody Underground" ne è una sorta di tributo) e propensi a quella poliedricità strumentale di cui Brian Jones, tra altri, era stato precursore.
Guidati non solo spiritualmente da Anton Newcombe, i Brian Jonestown Massacre hanno costituito il Committee to Keep Music Evil, un comitato a cui varie bands della scena neo-psichedelica statunitense hanno aderito al fine di preservare l’autenticità della loro musica sostenendosi reciprocamente nell’intento di mantenersi al di fuori da compromessi con il business. Newcombe personaggio carismatico, esistenzialmente tormentato e dai trascorsi difficili, ha recentemente abbandonato gli Stati Uniti per trasferirsi in Europa tra l’Islanda e Berlino assimilando dalla vita notturna della capitale i suoni dell’inconfondibile tecno-dance tedesca, con la quale ha caratterizzato i suoi ultimi lavori. Questa selezione non vuole e non può essere rappresentativa del gruppo, (a malapena ci riesce l’antologia in doppio CD, "Tepid Peppermint Wonderland" (Tee Pee Records, 2004) ma un’occasione per riascoltare alcune delle loro canzoni più belle, e un invito ad approfondire per chi non li conoscesse. Ad ogni modo buon viaggio.

Federico Porta


Wisdom ("Methodrone" - Bomp! Records 1995)

Their Satanic Majesties Second's Request  (Bomp! Records 1996)

 Servo ("Give it Back" - Bomp Records 1997)

Jennifer ("Strung Out in Heaven" - TVT Records 1998)

Mansion in the Sky ("Bringin'it All Back Home Again" - Which? Records 1999)


Let Me Stand Next to Your Flower  ("Bravery, Repetition and Noise" - Bomp! Records 2001)


Nevertheless ("Bravery, Repetition and Noise" - Bomp! Records 2001)

 Open Heart Surgery ("Bravery, Repetition and Noise" - Bomp! Records 2001)

Dropping Bomb On The White House ("My Bloody Underground" - A Records 2008)

Let's Go Fuckin Mental ("Who Killed Sgt. Pepper?" - A Records 2010)



Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget