sabato 5 novembre 2011

CULT RECORDS - THE BEVIS FROND: "Miasma" (1987, Woronzow)

# Vivamente consigliato da DISTORSIONI

Nick Saloman aka Bevis Frond è l'esempio più sincero della passione per un genere a quanto pare immarcescibile, la psichedelia. Un musicista che negli anni d'oro del rock, non riuscì ad imporsi come gli altri grandi nomi che fecero scuola, praticamente si limitò a coltivare la sua grande passione per i dischi e a strimpellare in modo fedele le creazioni chitarristiche dei suoi eroi.

FENNESZ & SAKAMOTO: “Flumina” (release date: 15 agosto 2011, Commons)

# Consigliato da DISTORSIONI

Christian Fennesz e Riuchi Sakamoto sono due musicisti che amano le collaborazioni. Per entrambi la più famosa è quella con David Sylvian, che è l'ideale trait d'union nel gioco dei sei gradi di separazione. Sakamoto è un artista che ormai non ha bisogno di presentazione, vista la sua lunga carriera nella musica e nel cinema, sia come attore che come compositore.

REISSUES - CHEVAL FOU: “Cheval Fou” - NYL: “Nyl” (settembre 2011, Psych Up Melodies)

Il meraviglioso mondo della musica rock continua a rivelarci perle dimenticate del passato: questa volta tocca alla Francia, paese che, per quanto geograficamente vicino, dal punto di vista del rock, salvo pochissime eccezioni, è poco conosciuto dal nostro pubblico; qui poi si tratta di due band davvero di culto ristrettissimo: la prima, Cheval Fou negli anni in cui fu attiva, dal 1970 al 1975, si dedicò all’attività live e a registrazioni casalinghe senza mai incidere un disco,

CAETANO VELOSO E MARIA GADU' : "Multishow ao vivo", 2 CD, DVD (release date: 19 settembre, Universal Music/Mercury Records/Som Livre/Slap)

# Consigliato da DISTORSIONI

Mayra Correa Aygadoux, brasiliana di Sao Paulo, 25 anni a dicembre, è uno dei maggiori fenomeni musicali di questo decennio zero: già in precoce età compone canzoni, viaggia giovanissima in Europa ma è solo il suo trasferimento dalla città natale alla più caotica, ma ricca di attrazioni ed attenzioni, Rio de Janeiro a porla sotto i riflettori nazionali. La sua particolare versione del classico

venerdì 4 novembre 2011

SHORT REVIEW - THE PAINKILLERS: “Feel the pain” (release date: 6 giugno 2011, Off The Hip)

# Consigliato da DISTORSIONI

James Baker dovreste conoscerlo da almeno trent’anni. Hoodoo Gurus, Beasts of Bourbon, Scientists e Victims sono nomi che parlano da sé. Joe Bludge forse lo conoscete meno ma in Australia è un folk man urbano rispettato come Lou Reed a Manhattan. Insieme, al riparo dalle riviste occidentali troppo impegnate a leccare il sedere solo a chi incide per le finte etichette indipendenti del gruppo Beggars, hanno da qualche anno messo su i Painkillers.

NOEL GALLAGHER: “Noel Gallagher's High Flying Birds” (release date: 17 ottobre 2011, Sour Mash)

# Consigliato da DISTORSIONI

Quando un gruppo leggendario si scioglie viene sempre da chiedersi che fine faranno i suoi componenti. Nel caso degli Oasis la domanda riguardava sostanzialmente i due fratelli Gallagher, visto che i restanti membri del gruppo erano umili comprimari. Eccoci quindi di fronte alla prova solista del fratello Noel, quello più schivo, ma probabilmente, nell'economia degli Oasis, il più importante,

DEATH IN JUNE: “Nada Plus!” 30th Anniversary 1981 - 2011 Celebration Releases (release date: 25 luglio 2011, Pylon/Audioglobel)

# Consigliato da DISTORSIONI

L’occasione di una nuova uscita dei Death in June mi dà modo di rispolverare con grande piacere un disco che mi fa ritornare alla mente gli anni dell’adolescenza, la scoperta di musica “diversa” che necessitasse un “ascoltare” più che un “sentire”. Il gruppo, nato ad inizio anni 80 originariamente come progetto folk

CSS: “La Liberaciòn” (release date: 29 agosto 2011, V2)

“Esiste musica per la testa, musica per il cuore, musica per lo stomaco e musica per le gambe”, diceva un mio amico d'infanzia. Personalmente la mia psiche e il mio cuore si sono sempre lasciati cullare da solenni e pompose ondate di rock progressivo, la mia più grande passione. Poi c'è tanto hard rock che mi prende allo stomaco. E infine le mie gambe saltellano nel sentire certi “hits” della mia infanzia e della mia prima adolescenza, quelle più o meno note “canzoncine” dance uscite nel pieno

giovedì 3 novembre 2011

LIVE REPORT – “EDDIE & THE HOT RODS” (30 settembre 2011, Milano, Lo-Fi)

In una tiepida serata di inizio autunno a Milano, in un locale della periferia, il Lo-Fi, il concerto di una band che mi riporta ad anni giovanili, fine anni 70: l’esplosione del punk ed il culto della trasgressione nel rock, suonano Eddie & The Hot Rods, storici esponenti di quel pub rock operaio e stradaiolo che a quel tempo ci ha fatto vivere sereni e gioiosi momenti di sballo alcoolico (nei miei ricordi un indimenticabile concerto milanese dei Dr.Feelgood circa 1979/80), con i suoi suoni diretti, sporchi e senza fronzoli.

RADIO MOSCOW: "The great escape of Leslie Magnafuzz" (release date 11 ottobre 2011 - Alive Natural Sound Records/Goodfellas)

# Consigliato da DISTORSIONI

Dopo l'ottimo esordio omonimo del 2007 e lo strepitoso seguito di "Brain Cycles" del 2009 viene oggi pubblicato "The great escape of Leslie Magnafuzz" , terzo album per gli americani Radio Moscow. Registrato, mixato e masterizzato in analogico al leggendario studio di registrazione Dom Prairie in California del Nord (dove hanno eseguito registrazioni anche artisti come Tom Waits,

STEVEN WILSON: “Grace for drowning” (release date: 27 settembre 2011, K-Scope)

# Vivamente consigliato da DISTORSIONI

Paghi uno e prendi due nel caso di questo nuovo album solista dell’instancabile leader dei Porcupine Tree (più Blackfield, No Man), visto che lo stesso Wilson si premura, in interviste e comunicati, di dire che i dischetti che compongono "Grace for drowning" sono due opere compiute e a sé stanti che dovrebbero essere ascoltate separatamente al punto di assegnare

mercoledì 2 novembre 2011

SUN ARAW: "Ancient Romans" (release date: 23 agosto 2011, Drag City)

La prima volta che sentii parlare dei Sun Araw è stato quando li ho visti dal vivo, sono bastati pochi minuti per rendermi conto che quello che avevo davanti era un gruppo di impressionante sostanza e talento. Ero a Milano, lo show era organizzato dai ragazzi di Hundebiss Records, gli avevano appena requisito il semi interrato e i Sun Araw si esibirono nel piano inferiore di un locale milanese. I Sun Araw sono uno di quei gruppi da “prendere o lasciare”,

PSYCHEDELIC HORSESHIT: “Laced” (release date: 29 luglio 2011, Fat Cat)

# Consigliato da Distorsioni

Psychedelic Horseshit è una band lo-fi noise-pop proveniente da Columbus, Ohio. Il termine shitgaze, che descrive molto bene la loro musica, fu coniato per scherzo da Kevin De Broux, bassista della band. Ripreso dalla stampa specializzata, il termine finì per classificare un intero genere musicale. Lo shitgaze degli Psychedelic Horseshit è sporco, grezzo, destrutturato e si sviluppa attraverso

FEIST: “Metals” (release date: 4 ottobre 2011, Polydor)

# Consigliato da DISTORSIONI

Leslie Feist, canadese trentacinquenne proveniente dal collettivo Broken Social Scene che già ha contribuito a fornire elementi di spicco dell’indie-rock degli ultimi anni (Jason Collet, Emily Haines e gli Zeus) arriva al suo quarto disco dopo l’esplosione mondiale di "Let it die" del 2004 e la successiva conferma del bellissimo "The Reminder" del 2006. Ora, a distanza di quattro anni,

martedì 1 novembre 2011

LIVE REPORT - "Prog Exhibition, il festival della musica immaginifica" 2a Edizione (21-22 ottobre 2011 – Teatro Tendastrisce Roma)

Dopo il doppio sold-out del primo Prog Exhibition Festival 2010, che aveva portato a Roma appassionati da tutto il mondo e dopo la pubblicazione del cofanetto celebrativo dell’evento, era grande l’attesa per l’edizione 2011 del “Prog Exhibition”, curato anche quest’anno da Iaia de Capitani e Franz di Cioccio.

ROCK ARCHEOLOGY - "Il pre-punk voodoo di SIMON STOKES (The Nighthawks/The Black Whip Thrill Band)"

Personaggio marginale (ed emarginato), ma molto interessante del rock americano, vicino all’underground e a gruppi “incazzati” come gli MC5, certamente poco noto anche negli USA e praticamente sconosciuto dalle nostre parti; anche lui si può considerare tra i vari antenati del punk e tra i precursori di un sound grezzo, elettrico e sguaiato che farà scuola in epoche successive.

lunedì 31 ottobre 2011

REISSUES – BABY WOODROSE: “Love comes down” (release date: 24 ottobre 2011, Bad Afro Records)

# Vivamente consigliato da DISTORSIONI

La danese Bad Afro Records dà l’Aprile 2012 nel suo sito come release date ormai sicura del prossimo lavoro in studio dei Baby Woodrose: l’album, registrato l’ estate 2011 appena trascorsa, si chiamerà “Third Eye Surgery” e da quanto il leader di sempre Lorenzo Woodrose si è lasciato scappare di bocca è intrippato alla grande con lo space rock. La label di Lars Krogh nel frattempo

*SHELS: “Plains of the Purple Buffalo” (release date: 12 luglio 2011, Shelsmusic)

# Consigliato da DISTORSIONI

*shels è una band anglo-americana di post-rock con influenze progressive e folk, nata nel 2003 dalle ceneri dei Mahumodo. Dopo i positivi riscontri al loro precedente “Sea Of The Dying Dhow” (2007), gli *shels si ripresentano a distanza di quattro anni con “Plains of the Purple Buffalo”, complice la perdita di buona parte delle loro registrazioni che li ha obbligati a rilavorare sull’originario demo. Già da un

WOODEN SHJIPS: “Phonograph/Looking out remix” single (release date: 9 settembre 2011, Thrill Jockey)

# Consigliato da DISTORSIONI

Esce a pochi mesi di distanza dall'ottimo "West" questo nuovo singolo della garage band psichedelica di San Francisco. Phonograph, probabilmente un' outtake che avrebbe gravato sul gioco dei pesi dell'album è un bel brano ma leggermente sotto tono rispetto alla qualità dei pezzi che componevano il bagaglio del viaggio verso ovest. La struttura è semplice, un groove strumentale

domenica 30 ottobre 2011

THE BEVIS FROND: “The Leaving Of London” (release date: 10 ottobre 2011, Woronzow Records)

# Altamente consigliato da DISTORSIONI

Quando leggerete che The Bevis Frond erano e sono il britannico Nick Saloman e poco altro non abbiate dubbi, è la pura verità. Stiamo parlando di un coraggioso e solerte chitarrista/compo-sitore/cantante che in quasi vent’anni di attività, a partire dai fatui 80, è stato artefice di una delle più intense e originali forme di neo-psichedelia contando solo sulle sue forze: fonda un’etichetta, la Woronzow Records, per cui fa uscire tutti i dischi dei

CHARALAMBIDES: "Exile" (release date: 3 ottobre 2011, Kranky Records, Goodfellas)

# Consigliato da DISTORSIONI

Charalambides si formano 20 anni fa in Houston, Texas, dalle menti di Tom e Christina Carter, con loro anche Kyle Silfer, con in testa la gloriosa tradizione psych texana dei sixties mentre Il bizzarro nome scelto deriva dal nickname di un cliente del negozio di dischi dove pare sia avvenuto il fatale incontro tra i due. Questo “Exile” è l'ennesimo album di una lunghissima serie di demo-tape, singoli, CD-R e album
Si è verificato un errore nel gadget